Skype introduce la pubblicità nelle videochiamate gratuite

Commenti (0)

Per far fronte alla crisi economica ed al fisiologico calo di utenti che acquistano abbonamenti e servizi a pagamento, i vertici di Skype ha vagliato soluzioni alternative, come quella di ottenere dei ricavi anche dai servizi gratuiti . La soluzione scelta, alla fine, è stata quella di introdurre dei veri e propri intervalli pubblicitari durante le conversazioni fra utenze Skype.

Questa soluzione, ovviamente, sarebbe  destinata solo alle utenze che usufriscono esclusivamente dei servizi gratuiti offerti dal famoso software di instant messaging e VoIP. Secondo i vertici di Skype, questi spot pubblicitari non dovrebbero interferire con la qualità generale della videochiamata, in quanto molto leggeri e contenuti nelle dimensioni. Le perplessità sull’utilizzo di questo metodo di finanziamento, non sono poche, tenuto conto delle esperienze poco piacevoli già vissute in altri ambiti, con questo tipo di pubblicità. Su Youtube, ad esempio, gli spot introduttivi o i banner, che ciclicamente appaiono sui video, hanno suscitato e continuano a suscitare l’ira degli utenti. Continua a leggere Skype introduce la pubblicità nelle videochiamate gratuite »

Termini Legati all'articolo: ,

Facebook modifica, senza preavviso, la mail predefinita di tutti gli utenti

Commenti (1)

Continuano i problemi per gli utenti di Facebook, che dopo   disservizi e problemi di privacy, questa volta devono fare i conti con un colpo veramente basso: Facebook, infatti, ha ben pensato di modificare la mail predefinita di tutti gli utenti, aggiungendo il dominio Facebook.com al nome utente.
Questa scelta è passata piuttosto in sordina, in quanto involontariamente (o volontariamente) celata negli scarni comunicati che il team di Zuckerberg aveva inviato agli utenti nei giorni scorsi. Tutto ciò ha portato ad un malconetento generale dell’utenza, che si è letteralmente ribellata all’ennesima gaffe del team di Facebook.

Pur trattandosi di un peccato veniale, se vogliamo, non è comunque bello vedersi cambiare, arbitrariamente e in maniera quasi del tutto subdola, il proprio indirizzo email predefinito sul social network che più si utilizza.

Continua a leggere Facebook modifica, senza preavviso, la mail predefinita di tutti gli utenti »

Termini Legati all'articolo: , ,

LinkedIn: oltre 6 milioni di account violati e password rubate

Commenti (0)

Non sono certamente tempi facili quelli che stanno attraversando i social network più popolari. L’aumento esorbitante del numero di utenti ha ingolosito anche gli hackers, che sono sempre più interessati a far breccia negli account degli ignari utenti, a scopo fraudolento o, spesso, puramente ludico.

A farne le spese, in maniera piuttosto eclatante, questa volta è stato LinkedIn, il social network del lavoro. Nei giorni scorsi, infatti, sono stati violati ben 6 milioni e mezzo di account su Linkedin. Oltre sei milioni di utenti, quindi, si son visti soffiare le passwords dei propri account sotto i loro occhi. Fortunatamente, grazie al lavoro di alcuni experti russi, è stato trovato il modo poter verificare, se non altro, che il proprio account sia stato violato. Esiste, infatti, un servizio, chiamato LeakedIn, che mette a disposizione il database pressochè completo delle password rubate, dove tutti gli utenti di Linkedin possono verificare se il proprio account sia stato violato. Continua a leggere LinkedIn: oltre 6 milioni di account violati e password rubate »

Termini Legati all'articolo:

Google acquista Meebo: verrà implementato in Google Plus

Commenti (2)

Google ha finalizzato l’acquisto di Meebo, il famoso software di instant messaging multipiattaforma che vanta ben più di 90 milioni di utenti in tutto il mondo. Si tratta dell’ennesimo colossale affare della società di Mountain View, che la modica cifra di 100 milioni di dollari si porta a casa un’altro pezzo di storia del web 2.0.

Meebo è una piattaforma molto apprezzata, che da diversi anni raccoglie consensi a dispetto della spietata concorrenza dei colossi del settore, come Windows Live Messenger e Skype, per non parlare dei social network. Continua a leggere Google acquista Meebo: verrà implementato in Google Plus »

Termini Legati all'articolo: , ,

LinkedIn, il social network del lavoro

Commenti (1)

Al giorno d’oggi, i social network, sono presenti sul web nelle forme più disparate e riescono a coprire le esigenze di gran parte degli internauti. Ce n’è uno, in particolare, che è abbastanza diverso dagli altri, se non nella forma, quantomeno dei contenuti. Stiamo parlando di LinkedIn, un social network nato nel lontano 2003, ma salito alla ribalta da poco più di 3 anni.

Lo scopo principale, se non l’unico, di LinkedIn, è permettere ai propri utenti di entrare in contatto con colleghi di lavoro  o di studio (presenti e passati) affidabili e verificati, in modo tale da favorire eventuali sinergie in ambito lavorativo. Continua a leggere LinkedIn, il social network del lavoro »

Termini Legati all'articolo: ,

Facebook: a breve dei baby account per i minori di 13 anni?

Commenti (0)

Oltre al solito problema della privacy, su Facebook, ce n’è uno altrettanto importante: quello dei bambini che si registrano ed utilizzano il social network esattamente come gli adulti. Come è noto, su Facebook è espressamente vietata la registrazione ai minori di tredici anni.

Purtroppo però, questo sbarramento alquanto fittizio è servito, com’era prevedibile, a poco. Milioni sono i bambini al di sotto dei tredici anni che utilizzano Facebook attivamente, con buona pace di genitori più o meno distratti. Continua a leggere Facebook: a breve dei baby account per i minori di 13 anni? »

Termini Legati all'articolo:

Bloccare o eliminare definitivamente i contatti su Windows Live Messenger 2011

Commenti (2)

Molti utenti di MSN, dall’uscita dell’ultima versione, si sono chiesti come bloccare contatti su Windows Live Messenger 2011. Sappiamo che in questa nuova versione del celeberrimo software di instant messaging di casa Microsoft, a differenza delle precedenti, non c’è più l’opzione per bloccare contatti dalla cosiddetta buddy list (lista contati), che è stata sostituita da una funzione che permette di risultare invisibile solo ad alcuni contatti precedentemente selezionati.

Va da sè che questo metodo non blocca affatto i contatti indesiderati, i quali possono comunque inviarvi messaggi non in linea e continuare ad infastidirvi. Esiste, però, una procedura alternativa che, fortunatamente, permette di risolvere il problema alla radice. Di seguito, pubblicheremo e spiegheremo la procedura per bloccare o eliminare definitivamente i contatti su Windows Live Messenger 2011. Continua a leggere Bloccare o eliminare definitivamente i contatti su Windows Live Messenger 2011 »

Termini Legati all'articolo: ,

Una app per iPhone per sapere chi vi ha cancellato da Facebook

Commenti (0)

Continua ad aumentare l’interconnessione fra iPhone (e gli altri dispositivi Apple) e Facebook.  Tante, infatti, sono ormai le cosiddette “apps” installabili sullo smartphone e gli altri dispositivi mobile di casa Apple, che permettono di interagire col social network di Mark Zuckerberg. L’ultima nata svolge il lavoro sporco spesso che spesso voi utenti del famoso social network avete sempre desiderato di poter fare: sapere chi vi ha cancellato da Facebook.

Esiste un’app, infatti, creata da un programmatore italiano, Fabio Mignogna, che vi permette, una volta installata sul proprio iPhone o iPad, di scoprire chi vi ha cancellato da Facebook. Che è anche il nome della stessa applicazione, chiamata (quando si dice: “la fantasia…”) “chi ti ha cancellato? per Facebook“. Continua a leggere Una app per iPhone per sapere chi vi ha cancellato da Facebook »

Termini Legati all'articolo: ,