Facebook, occhio ai virus nascosti nei tag delle immagini

Commenti (0)

Data l’incredibile mole di informazioni che passano sottoforma di links su Facebook, ogni giorno, è difficile se non impossibile valutarne la provenienza e la possibilità che siano dei “trabocchetti” poco simpatici, pronti ad approfittare dell’incuria o della curiosita degli ignari utenti.

Spesso infatti i dietro links, tag e roba varia si nascondono virus ed altre amenità simili, più o meno pericolose per pc e dati personali in essi contenuti.
L’ultima novità in questo campo sono i virus che si nascondono nei tag delle immagini. Come sappiamo, capita spesso di ricevere via email una notifica che avvisa che qualcuno ci ha taggati su una foto postata su Facebook.
Ma come riconoscere una notifica reale da una potenzialmente pericolosa?

Il primo segnale è senza dubbio la mancanza del nome della persona che ci ha taggati. Facebook lo inserisce sempre nelle notifiche, mentre in quelle “contraffatte” contengono solo un avviso generico, senza specificare il nome della persona che ci ha taggati.

Il secondo segnale, al quale ci si dovrebbe sempre fermare, è dato dal link inserito nella stessa notifica. Cliccandovi, anzichè aprirsi la pagina di Facebook con la foto taggata, apparirà invece un file da scaricare, generalmente in formato .exe o archivio (.zip, .rar, ecc..).

Questi files, dai nomi e dalle dimensioni più disparate, contengono sempre virus più o meno pericolosi, che possono variare dai semplici spyware ad altri più complessi e malevoli, in grado di rubare dati sensibili come le password o mettere KO il sistema operativo.
Attenzione quindi, ad aprire a cuor leggero links, notifiche, tag e quant’altro di sospetto su Facebook. Controllare sempre la fonte e la credibilità di queste informazioni può scongiurare il pericolo di incorrere in problemi di varia natura e molto fastidiosi.

Termini Legati all'articolo: , ,
Altri Articoli Correlati:

Articoli correlati a "Facebook, occhio ai virus nascosti nei tag delle immagini"

Invia un nuovo commento